Home / Attualità  / Cervia, convenzione con Open Fiber per la posa di fibra ottica sulla fascia costiera

Cervia, convenzione con Open Fiber per la posa di fibra ottica sulla fascia costiera

fibra ottica

In data 30 giugno, il Consiglio comunale ha approvato all’unanimità la convenzione non onerosa con Open Fiber per la posa della fibra ottica nella fascia costiera.

La convenzione si inserisce all’interno del Piano strategico nazionale approvato dal Consiglio dei Ministri nel 2015 per lo sviluppo della banda ultra-larga in Italia. Stabilisce le procedure e definisce gli accordi tra l’ente e la società per permettere a quest’ultima di realizzare una rete di telecomunicazioni a banda ultralarga in fibra ottica sul territorio comunale di Cervia, assicurandone anche la gestione e manutenzione, nonché a offrire diritti di accesso a condizioni tecniche ed economiche non discriminatorie a tutti coloro che ne facciano richiesta.

La convenzione, della durata di 20 anni, regolamenta l’utilizzo delle infrastrutture esistenti e l’impiego di tecniche innovative di costruzione che possano permettere la massima riduzione dei tempi e dei costi d’intervento, garantendo un basso impatto ambientale.

L’adesione del Comune al Piano Open Fiber non costituisce l’esclusiva alla società e quindi non preclude lo sviluppo di analoghi progetti nel territorio comunale.

La convenzione, non onerosa per il Comune, prevede inoltre la realizzazione gratuita di 30 collegamenti in fibra spenta presso edifici pubblici comunali che l’Amministrazione sta individuando.

“Abbiamo fatto un nuovo passo per accelerare lo Sviluppo tecnologico del nostro territorio – dichaiara L’Assessora alla Sviluppo tecnologico Bianca Maria Manzi – Questa convenzione consentirà infatti di semplificare gli iter amministrativi e quindi di rendere più veloce la posa della fibra. La connessione ultra veloce è diventata ormai un servizio primario per i cittadini, come anche l’esperienza dell’emergenza sanitaria e del lockdown ci hanno insegnato. La società Open Fiber sta ultimando i lavori di copertura nelle frazioni dell’entroterra e ora potrà realizzare il progetto anche sulla fascia costiera, compresa Tagliata, come abbiamo richiesto”.

Condividi questo articolo