Home / Attualità  / Bologna Fiere: il porto di Ravenna al centro dello sviluppo economico dell’Emilia-Romagna

Bologna Fiere: il porto di Ravenna al centro dello sviluppo economico dell’Emilia-Romagna

porto

L’occasione fieristica di “Farete“, rassegna dell’imprenditoria emiliana promossa da Confindustria a Bologna Fiere, ha visto ieri il porto di Ravenna ed in particolare i servizi rivolti al settore dei container presentarsi ad una folta platea imprenditoriale e commerciale.

 

E’ stato il presidente di Confindustria Emilia Centro ad aprire i lavori ed a riconoscere a Ravenna ed al suo porto un ruolo centrale nello sviluppo dell’economia e delle infrastrutture dell’intera Emilia-Romagna; Roberto Bozzi, presidente di Confindustria Romagna, nell’apprezzare l’interesse del sistema economico emiliano ha sottolineato come in questa occasione lo scalo ravennate sia propositivo ed innovativo per tutta la regione e l’Italia intera e divenga asse portante per l’affermazione delle nostre produzioni nei mercati del nord Europa e di tutto il mondo.

 

L’analisi dei flussi marittimi dei container da e per il porto di Ravenna è stata illustrata da Alessandro Panaro di SRM cui è seguito l’intervento della direttrice di TCR Milena Fico che ha sottolineato come gli investimenti più recenti del terminal container, il buon andamento e le nuove linee marittime che scelgono Ravenna costituiscono, unitamente agli operatori più importanti del commercio marittimo, la conferma della crescita dei container in termini di volumi, qualità e produttività del servizio ravennate. Andrea Corsini, assessore regionale ai trasporti e infrastrutture, ha voluto aggiornare gli operatori circa gli investimenti in corso sull’Adriatica ferroviaria che renderà il nodo di Bologna molto più agevole per i collegamenti con lo stesso porto di Ravenna e le principali economie regionali, interessate anche dalla firma di un nuovo accordo per l’E55 e nuove infrastrutture verso il nord Italia.

 

A sua volta il presidente dell’Autorità Portuale Daniele Rossi ha confermato il progredire dei lavori per fondali più adeguati e nuove banchine, verso il nuovo Hub che prevede il nuovo terminal container, esprimendo soddisfazione per il terminal passeggeri di Ravenna che ormai accoglie compagnie mondiali del settore crocieristico in forte crescita nonché gli impegni assunti nel settore dell’energia e per il rigassificatore.

 

A conclusione dei lavori il presidente di TCR Giannantonio Mingozzi, anche a nome del presidente dell’Associazione spedizionieri internazionali Danilo Belletti, ha ringraziato per l’attenzione Confindustria nelle persone di Caiumi e Bozzi ed il gruppo SAPIR presente con il presidente Sabadini e l’amministratore delegato Pepoli.

 

“Sono lieto che in questa occasione ed in futuro potremo presentare Ravenna come porto dell’Emilia-Romagna in piena sintonia con un mondo imprenditoriale che ci conosce sempre di più e valuta con attenzione le nostre proposte e la qualità dei nostri servizi- ha detto Mingozzi – nella certezza che sapremo essere competitivi e validi a fronte di ogni concorrenza”.

Condividi questo articolo