Ancisi (LpR): Documenti trafugati in Comune, la verità è tracciata - Piu Notizie

Ancisi (LpR): Documenti trafugati in Comune, la verità è tracciata

Redazione

Ancisi (LpR): Documenti trafugati in Comune, la verità è tracciata

mercoledì 05 Maggio 2021 - 23:24
Ancisi (LpR): Documenti trafugati in Comune, la verità è tracciata

ACCESSO ABUSIVO A DOCUMENTI INFORMATICI – Ha suscitato larga eco nella cittadinanza, ma soprattutto all’interno del Comune, la notizia, data ieri dal quotidiano storico di Ravenna, così annunciata: “Talpa in Comune, c’è un indagato. Avviso di garanzia a un impiegato per avere acquisito abusivamente un parere tecnico dal computer di un dirigente di Palazzo Merlato, perquisita su mandato della Procura l’abitazione dell’interessato”. Il reato contestato, che oggi si è chiarito essere stato notificato a due persone, è di accesso abusivo a sistema informatico, che prevede pene fino a tre anni di reclusione, aumentabile a cinque se compiuto da un pubblico ufficiale. Qualcosa circolava da giorni negli ambienti comunali delle Infrastrutture civili, anche con più particolari, giacché la Polizia Locale, delegata dal Pubblico Ministero a compiere le indagini, si era recata a svolgerle anche al loro interno.

IL FRONTE POLITICO – Ci sarebbe solo da esprimere la certezza, sapendo come lavora, che la Polizia Locale compirà tutti gli approfondimenti utili a chiarire l’andamento dei fatti e le relative eventuali responsabilità, anche perché, in questi casi, all’accertamento dei fatti penali consegue la contestazione degli addebiti disciplinari da parte dell’amministrazione comunale. Apre però un fronte più delicato, capace di riflettersi sul fronte politico, quanto riferito nel servizio giornalistico suddetto: “Il contesto è stato offerto da uno specifico progetto edilizio naufragato due volte in due diverse zone della città: la prima in seguito a petizione di cittadini; e la seconda in seguito a valutazioni (e successive controdeduzioni) di un ente tecnico. Ed è proprio questa seconda ondata ad avere offerto materiale alla procura. Attenzione però: sebbene questo sia un giallo, non si tratta di documenti top secret: tanto che una lista civica ne ha offerto ampio stralcio per chiaro interesse pubblico. Anzi, un qualsiasi consigliere comunale, in ragione del suo ruolo, aveva la possibilità di fare domanda per ottenerne copia. E qui sta il punto: secondo le verifiche interne di Palazzo Merlato, quei documenti erano usciti dal computer dell’unico dirigente che li aveva ricevuti senza però che nessuno li avesse mai chiesti, alimentando così un clima di sospetti e veleni”.

DOCUMENTI CONSEGNATI A TERZI – Chiariamo innanzitutto che un consigliere comunale può richiedere copia di un documento al funzionario che lo detiene solo se possiede preventiva legittima informazione che esso esista, sia pervenuto all’amministrazione e a quale dirigente, non essendo ammesse, per giurisprudenza copiosa e continua,  richieste generiche o imprecisate. Ne deriva che il “contesto” di cui si è letto lascia chiaramente intendere come l’andamento delle indagini sia orientabile automaticamente all’accertamento dell’altro eventuale reato, stavolta contro la pubblica amministrazione, definito dal codice penale come “corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio”, punito con la reclusione da sei a dieci anni. Oggi lo stesso giornale ha in effetti aggiunto come una seconda contestazione riguardi “la circostanza che i documenti così sottratti siano stati consegnati a una persona esterna al Municipio”. Tanto che il sindaco ha commentato di esserne stato “profondamente turbato”. Il ripetuto accenno, ieri ed oggi, ad “una lista civica”, definizione che in questa città si applica per antonomasia da 24 anni a Lista per Ravenna, ci impone però ad andare oltre lo scontato auspicio che la Giustizia faccia il suo corso.

IL PROGETTO EDILIZIO NAUFRAGATO – In effetti, il “progetto edilizio naufragato” corrisponde manifestamente a quello combattuto da Lista per Ravenna con due petizioni di larghissimo riscontro popolare, anche se la sua seconda zona di collocazione è ulteriormente e definitivamente “caduta” a seguito delle “valutazioni di un ente tecnico”, in sede del “parere tecnico” e “successive controdeduzioni”di cui sopra, corrispondenti ai due documenti presuntivamente trafugati. Anche su questi ovviamente Lista per Ravenna ha scritto, oltreché altri, ma solo e come sempre alla luce del sole e con la consueta massima correttezza, tanto da escludere categoricamente di avere avuto rapporti o contatti di alcun genere, per lo meno da molti anni, con chi possa, nome e cognome, avere trafugato ed eventualmente trasferito a terzi quei documenti.

 

SONO STATI ALTRI – Non siamo e non abbiamo talpe. In Comune lo sanno e ce lo riconoscono tutti, personale, dirigenti e amministratori. Si preoccupano altri. La verità è sicuramente “tracciata”.

Tag:

Piùnotizie.it

Iscr. Registro Stampa del Tribunale di Ravenna al N°1424 del 19/01/2016

Direttore Responsabile: Salvatore Sangermano

Editore: London & Comunicazione

CF. P.iva - 02198490399

Contatti: redazione@piunotizie.it

© E’ vietata la riproduzione, con qualsiasi strumento, anche parziale, di testi foto e video contrassegnati dalla scritta “Riproduzione vietata “ se non autorizzati dall’Editore in forma scritta.

Piunotizie.it è una testata associata a USPI, Unione Stampa Periodica Italiana