Home / Attualità  / Al sicuro la nave da crociera “Viking Sea”. Ha rischiato di finire contro le banchine a Porto Corsini

Al sicuro la nave da crociera “Viking Sea”. Ha rischiato di finire contro le banchine a Porto Corsini

Se l’è vista ‘brutta’ la nave da crociera “Viking Sea” che, a causa del maltempo di oggi, si è allontanata dalla propria posizione, rischiando di finire contro le banchine del Terminal Crociere di Porto Corsini. Decisivo l’intervento della Capitaneria di Porto ravennate e dei servizi tecnici nautici, fra cui rimorchiatori, piloti e ormeggiatori, che hanno consentito alla nave di tornare in sicurezza.

 

 

Nel complesso le operazioni di ‘recupero’ sono durate più di 4 ore. Intorno alle 9.15 – a causa del forte maltempo – l’imbarcazione ha rotto i cavi di ormeggio intraversandosi e appoggiando la chiglia sul fondale sabbioso, evitando così di finire contro la scogliera antistante il Molo Guardiano dello scalo romagnolo.

 

Per mantenere in assetto l’imbarcazione, sono stati impiegati 5 rimorchiatori. In acqua anche la motovedetta della Guardia Costiera CP 328 in assistenza, e gli uomini del gruppo ormeggiatori. In un primo momento i rimorchiatori hanno lavorato ininterrottamente per contrastare le violente raffiche di vento che spingevano lateralmente la nave contro la scogliera, riuscendo a riportarla parallela alla banchina e poi a mantenerla in posizione di sicurezza; successivamente, quando il vento, intorno alle 12.30, è diminuito di intensità, la nave è stata riavvicinata alla banchina attraverso una complessa manovra, con tre rimorchiatori in spinta sulla fiancata e due a tirare i cavi sul lato opposto.

 

 

L’imbarcazione – di bandiera norvegese, 228 metri di lunghezza con 870 passeggeri a bordo e circa 200 membri di equipaggio – è stata riportata in sicurezza all’ormeggio poco dopo le 13. La dinamica dell’evento, ed i motivi che hanno portato alla rottura dei cavi di ormeggio saranno oggetto di una verifica tecnica, da parte dei militari della sezione Sicurezza della Navigazione della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Ravenna, che si sono recati a bordo per un’ispezione.

Condividi questo articolo